martedì 27 gennaio 2015

100 anni da Mitterndorf



Era l’estate del 1915, 100 anni fa, quando la popolazione di Vermiglio in val di Sole fu costretta ad abbandonare le proprie case per raggiungere il campo di baracche di Mitterndorf, in Austria superiore, dove molte persone morirono di fame, malattie, stenti. Vermiglio si trovava infatti sul confine con l’Italia (allora il Trentino era ancora sotto il dominio austriaco) e come per altre zone di confine anche qui fu messa in atto questa misura drastica. Ci vollero anni prima che i vermigliani tornassero a casa, per trovare un paese distrutto e tutto da ricostruire.

In Frammenti di una valle è possibile leggere anche l’intervista (realizzata nel 2005, in occasione del novantesimo) a Letizia Panizza, donna di Vermiglio che visse questo dramma e lo comprese, perché aveva 11 anni all’epoca. Per non dimenticare ciò che i vermigliani subirono durante, ma anche dopo, la prima guerra mondiale.